PostHeaderIcon Rassegna del Dramma Antico

PostHeaderIcon CASINA di Tito Maccio Plauto

VII RASSEGNA DEL DRAMMA ANTICO

dal 16 al 19 Novembre

La Compagnia Teatrale dell’Università degli Studi di Milano presenta

loc_casina_foto_1

CASINA di Tito Maccio Plauto



regia di Claudio Marconi
con Eleonora Guido, Sergio Longo, Patrizia Aiazza,Sergio Lomazzi, Vincenzo Maria, Cristiano Di Vita, Cinzia Farina, Sabra Del Mare

adattamento Sergio Longo

 

La Casina di Plauto è la storia di una carnascialesca beffa giocata a un vecchio (aspirante) satiro, che spasima per ragazza giovane e bella, ma si ritroverà ad abbracciare un servo.

Si tratta di una farsa elementare, grassa , divertentissima: scritta per
un pubblico volgare, spesso turbolento, al quale era necessario prima spiegare la trama nel prologo per poi tenerlo avvinto con lazzi triviali che sbeffeggiavano pesantemente le umane magagne, senza deridere mai troppo virtù e valori condivisi.

E in effetti l'allestimento di Claudio Marconi e l'adattamento di Segio Longo vogliono prima di tutto restituire lo spirito che animava la commedia latina delle origini, rivisitazione a sua volta di quella greca, in chiave però più terrigna ed eccessiva.
l'impianto scenografico è essenziale, ma fedele ai canoni classici della “scena comica”, che trasforma il palcoscenico in una sorta di arena circense, dove gli attori entrano ed escono a vista, in un gioco divertito e divertente di interazione tra scena e fuori scena, tra attore e personaggio.
0578La Casina mostra
al pubblico quanto ancora attuali siano le tematiche, i ritmi, gli espedienti del comico di ventidue secoli fa; e questo allestimento lo evidenzia in un continuo gioco di contaminazioni tra classico e contemporaneo.  In tale direzione vanno lette le “sporcature” contemporanee dei costumi, tanto filologicamente latini, così pure la presenza di oggetti di scena odierni, ed infine la scelta di usare interventi barocchi e rock nelle musiche di scena.




Luci: Fabio Bezze, Marco Delle Foglie
Scenografie: Laura Laciniati
Costumi: Paola Arcuria, Michela Toselli.
Regia Claudio Marconi

 

PostHeaderIcon LE BACCANTI

VII RASSEGNA DEL DRAMMA ANTICO

dal 28 al 31 Marzo

LE  BACCANTI di Euripide


Compagnia  ANIME ANTICHE

regia Filippo Usellini

Regia Filippo Usellini, Enrica Barel

Con: Alice Arioli, Anna Penati, Barbara Galli, Cesare Musi, Davide Candelli, Elisa Cavallo, Francesco Segoni, Giovanna Mariotti, Giovanni Casalucci, Lorena Gaiara, Maria Gemiti, Nazzareno Patruno, Rossella Toti, Sergio Cantinazzi

 

il Teatro Anime Antiche presenta una riduzione e adattamento della tragedia greca di Euripide, le Baccanti, dedicata alle vicende del culto di Bacco, Dioniso, nella città di Tebe. Sono passati più di 2400 anni dalla prima rappresentazione dell’opera che durava diverse ore e poteva indurre in chi vi assisteva il fenomeno della catarsi, cioè eliminazione delle impurità e dei gravami dello spirito. Oggi, la frenesia della società contemporanea rende estremamente difficile una fruizione integrale del testo originale e allora si è cercato di portare alla luce in meno di un’ora una sintesi della tragedia, rispettando i punti fondamentali della storia e cercando di dare vita in qualche istante all’essenza della tragedia greca, il Coro e il Tragico.
Il primo è la base di ogni arte performativa dove si possono riflettere tutte le dinamiche della vita, mentre il secondo è quella dimensione umana, estrema e terribile dove si intrecciano l’alto e il basso, le responsabilità singole e collettive, e le fatalità inesorabili a cui tutti siamo sottoposti che possiamo rifiutare e combattere in modo drammatico, oppure accettare in modo degno e luminoso, tragico.

Ecco un riassunto delle vicende narrate nell’opera:baccanti10

Dioniso, dio del vino, del teatro, dell’ebbrezza fisica e mentale, era nato dall'unione tra Zeus e Semèle, donna mortale. Tuttavia le sorelle della donna avevano sparso la voce che lui in realtà non era stato generato da Zeus ma da una relazione tra Semèle ed un uomo mortale e la storia del rapporto con Zeus era servita solo per mascherare quel rapporto amoroso; in sostanza, esse negavano la natura divina di Dioniso, considerandolo un uomo comune.

Nel prologo, Dioniso afferma di essere sceso tra gli uomini per punire la città di Tebe e convincere la popolazione che lui è un dio e non un uomo. Per far questo, ha indotto un germe di follia in tutte le donne tebane che fuggendo sul monte Citerone per celebrare riti in suo onore diventano quindi sacerdotesse di Bacco (detto anche Bromio, che significa rimbombo). Tra queste c’è anche la sorella di Semèle, Agave, madre del re di Tebe, Penteo.

Questi atti misteriosi sono “mali straordinari” per Penteo che considera Dioniso un ciarlatano arrivato a Tebe con una trappola ideologica solo per adescare le donne. Invano Cadmo, nonno di Penteo, e Tiresia, indovino cieco, tentano di persuadere il re ad accogliere Dioniso come un dio membro della sua stessa famiglia. Penteo, per dare una prova di forza, fa imprigionare lo stesso Dioniso che si lascia catturare volutamente per poi scatenare sulla città un terremoto che gli permette di liberarsi dalle catene. Il re decide allora di attaccare le Baccanti con l’esercito ma prima di dare l’ordine, Dioniso riesce a convincerlo con la sua arte a mascherarsi lui stesso da baccante per poter spiare di nascosto le sue donne e rendersi conto della loro innocenza.

Condotto dal dio sui pendii del Citerone, Penteo pagherà cara l'arroganza con cui lo ha trattato.

 

PostHeaderIcon LE RANE

VII RASSEGNA DEL DRAMMA ANTICO

dal 16 al 19 Maggio

LE RANE di Aristofane

regia di Omar Nedjari
traduzione di Raffaele Cantarella 
con Sergio Longo, Enrico Ballardini, Alessandro Lussiana, Valeria Perdonò, Adriano Martinez, Cristiano Di Vita,  Fabio Sarti, Rosita Martini, Michela Costa

Dioniso, dio del teatro, vuole riportare in vita Euripide
per salvare la tragedia greca dal declino.

Rane

Mentre viene traghettato da Caronte , il dio incontra le rane
che seppur non riconoscendolo, intonano un canto nei suoi confronti.

Dionisto infastidito dal loro gracidare poco suadente, le incita a smettere.

Finalmente trova Euripide che si sta azzuffando con Eschilo.
I due si stanno contendendo il trono di miglior tragediografo.
Dopo una gara che vede Dioniso come giudice ed Eschilo come vincitore,
il primo continua a non essere del tutto persuaso.
Sceglierà l’autore che darà il miglior consiglio su come salvare Atene dal declino.

Il titolo, altro non è se non il simbolo dell’intera storia.
Gli anfibi, infatti, rappresentano il valore ed il potere saffico della poesia.

 

PostHeaderIcon MILES GLORIOSUS di Tito Maccio Plauto

VII RASSEGNA DEL DRAMMA ANTICO

dal 8 al 18 febbraio 2011
esclusi domeniche, lunedì e martedì

Fabio Banfo presenta

MILES GLORIOSUS di Plauto

regia Fabio Banfo

Filocomasia e Pleusicle sono innamorati. Durante un viaggio di Pleusicle,
Filocomasia viene rapita da Pirgopolinice, un soldato rozzo e spaccone e portata ad Efeso. 
Palestrione, servo di  Pleusicle, parte subito alla ricerca dell’amata del suo padrone, Maschereper poterlo informare sul luogo della prigionia. Durante il tragitto però,
la nave su cui sta viaggiando viene attaccata dai pirati, i quali lo vendono al soldato Pirgopolinice,
ritrovandosi nella stessa casa in cui è segregata Filocomasia.
Con una serie di astuzie riesce comunque ad informare il suo padrone,
il quale parte immediatamente alla volta di Efeso. Riesce a trovare riparo
da un vecchio che abita proprio a fianco della casa del Miles.
Tramite un buco nel muro il servo riesce a far incontrare i due amanti che verranno però scoperti. 
L’astuzia, in questo caso, sarà la vera chiave di volta per la risoluzione della vicenda.

Una esilarante e intelligente messinscena di una delle opere più conosciute di Plauto,
volta ad esaltarne il legame con la tradizione della commedia di carattere e di costume,
mediante l'uso di maschere e travestimenti.

Pur rispettando il testo originale, 
l’interpretazione di Fabio Banfo ne rinverdisce alcune gag e,
senza cadere nella trappola della facile attualizzazione, strizza l'occhio alla contemporaneità,
per dimostrare l'universalità delle opere classiche , capendo che l'uomo, in fondo,
con i suoi molti vizi e le sue poche virtù, non cambia mai.

 

PostHeaderIcon LE NUVOLE

dal 18 al 21 Aprile

di Aristofane

VII RASSEGNA DEL DRAMMA ANTICO

Regia di Lugi Guaineri


“ Evviva! O inganno sovrano di ogni cosa!” esclama Strepsiade, il pur timorato degli dei contadino ateniese, protagonista delle Nuvole di Aristofane (423 a.C.), quando ha la conferma che  al  figlio  Fidippide  è riuscito quello che per lui non è stato possibile, per difetto d’ingegno piuttosto che per eccesso di moralità:  imparare il “Dicorso Ingiusto” alla scuola di Socrate, il cosiddetto “pensatoio”,  al fine di avvalersi di questa sapienza dialettica per tacitare i creditori che non gli danno tregua, vista  la smodata e  costosa passione per i cavalli che ha il giovane, così diverso dal padre morigerato e risparmiatore,  e purtroppo così simile all’ aristocratica madre.   Il Socrate bersaglio della corrosiva comicità di Aristofane è ben diverso da quello di Platone o di Senofonte, che del filosofo furono ammiratori e discepoli: su una cesta  a mezz’aria  tra cielo e terra indaga i  misteri della natura  (ad esempio, la misura … del salto della pulce) e  insegna a rinnegare le false divinità (“Quale Zeus? Non dire sciocchezze! Nemmeno esiste Zeus” v. 367 ) in nome di quelle onorate nella sua scuola: “il Caos, le Nuvole” - che  con bella invenzione fantastica costituiscono il coro della commedia e le danno il titolo – “ e la Lingua” (v.424).  E sono proprio le “tecniche nuove” della parola e del ragionamento capzioso che Fidippide  apprende  dal “ Discorso Ingiusto”, che in uno  scontro dialettico ha costretto alla resa  il “Discorso Giusto”, difensore della giustizia e dei modelli educativi del passato.  “Ti riporterai a casa un abile sofista!”: così viene assicurato a Strepsiade che a tale maestro ha affidato  il figlio con ammirata  fiducia, destinata tuttavia  a svanire di lì a poco, quando Fidippide, forte delle sue nuove capacità argomentative, alzerà le mani su di lui e si preparerà addirittura a farlo sulla madre.  A questo punto Strepsiade, deciso a vendicarsi, correrà a incendiare il tempio della moderna paideia, la scuola di Socrate.  E con le fiamme che si alzano dal “pensatoio” si chiude la commedia.

a cura di 
Antonella Alvino

 

News

  • Chi siamo? Un teatro in movimento.
    Un teatro che si muove nel tempo, tra grandi classici e innovative sperimentazioni;
    un teatro che si muove nello spazio, tra attenzione al territorio e viaggi alla scoperta di mondi lontani.
    Un teatro aperto: da sempre aperto a tutti, e soprattutto ai giovani.
    Mettiamo in scena i classici, perché i giovani possano conoscerli: e mettiamo in scena i giovani,
    perché possano dimostrare il loro talento.
    È il 1994 quando il teatro Verga nasce: è una scommessa, una scommessa sul talento degli artisti che calcheranno la sua scena,
    e sulla passione di chi lo dirige. Perché fin da allora il Teatro intende porsi fuori dai circuiti e dalle mode, per offrire al pubblico
    e agli artisti, soprattutto giovani, un palcoscenico aperto. Per sperimentare, per esprimersi, per crescere insieme al pubblico.
    Perché passione, coraggio e talento sono contagiosi: e sono da sempre il marchio di fabbrica di un teatro piccolo, ma dal cuore grande.
    E di una scommessa vinta.
    Giulia Cirenei
    Ufficio Stampa
    Leggi tutto...


  • Dalla stagione 2011-2012 sarà attivo il nuovo
    LABORATORIO VERGA
    tenuto da Fabio Banfo

    Gli allievi del corso, infatti, potranno decidere di mettere in scena uno spettacolo e di inserirlo nella stagione del Teatro Verga, venendo riconosciuti come dei veri e propri attori.

    E' IL CASO DI DIRLO,
    IL PROTAGONISTA SEI TU!!

    Per informazioni potete consultare la sezione corsi, oppure contattarci

    Leggi tutto...

  • Leggi tutto...